Si pubblica il “Patto per la condivisione del rischio”, redatto in ottemperanza all’Ordinanza del Ministero della Salute del 08.05.2021. Insieme, vengono pubblicati i moduli allegati.

Patto per la condivisione del rischio

L’emergenza da Covid 19 ha sottoposto tutte le strutture assistenziali ad uno stress improvviso e non ponderabile. Per evitare che il virus entrasse nei locali della Fondazione Santa Maria Goretti e colpisse i soggetti più deboli della nostra società, è stato necessario operare con la massima cautela e mettere in campo ogni energia ed ogni strategia possibile. Un obiettivo a dir poco vitale che ad oggi siamo riusciti a raggiungere, registrando nessun caso di Covid nella nostra Residenza Protetta per Anziani ed avendo portato a termine la vaccinazione di tutti gli ospiti e tutto il personale nel più breve tempo possibile. Non è stato facile ed ha richiesto un’attenzione ed una cura estrema da parte degli operatori tutti ed una scelta difficile, quale quella di anticipare l’interruzione temporanea delle visite dei familiari agli ospiti, che per un certo periodo, nel momento più rischioso della pandemia, hanno potuto comunicare con l’esterno solo in via telematica. È stato un impegno gravoso per tutti gli ospiti e per gli operatori, a cui va il nostro sentito ringraziamento per l’encomiabile professionalità messa in campo e per la immancabile premura nei confronti degli ospiti, e parenti tutti.

Già prima dell’emergenza Covid, la Fondazione aveva deciso autonomamente di aumentare i minutaggi di assistenza oltre quanto stabilito dalla legge, e inserito anche il turno infermieristico notturno, in modo da avere una copertura h24, proprio in considerazione delle condizioni di salute sempre più precarie degli ospiti e degli aumentati bisogni assistenziali.

Nel corso dei mesi, pur essendovi stato un forte turnover di infermieri, si è sempre riusciti a garantire l’assistenza infermieristica necessaria fino ad arrivare al periodo più critico della pandemia. Da fine marzo 2021, infatti, la Residenza Protetta di Corinaldo ha subìto una grave riduzione del personale infermieristico, dovuta principalmente alla notevole e inedita domanda di infermieri del Sistema Sanitario Nazionale e quindi alle conseguenti procedure di assunzione nella sanità pubblica.

Fin dal manifestarsi di questa grave situazione, assieme ad altre realtà del territorio, la Fondazione ha rivolto un appello alle istituzioni per denunciare i rischi della carenza di infermieri (nota da tempo ma oramai a livelli critici), sollecitando con la massima urgenza un intervento per tutelare gli organici infermieristici delle nostre strutture, come pure l’avvio rapido di percorsi di formazione per figure specializzate.

Un appello che nel concreto ha visto la Fondazione sollecitare contestualmente anche la cooperativa assegnataria dei servizi assistenziali e responsabile del personale, che non è riuscita in alcun modo a reperire infermieri su tutto il territorio nazionale.

Ciononostante, per fronteggiare la crisi la Fondazione ha attinto alle proprie disponibilità economiche per offrire un significativo contributo economico al personale infermieristico da marzo a fine dicembre 2020, poi ripristinato nuovamente da inizio marzo 2021.

Tali misure non sono state comunque sufficienti ad arrestare quello che è stato un vero e proprio “esodo” verso il Sistema Sanitario Nazionale o altre situazioni delle diverse figure infermieristiche le quali hanno legittimamente scelto di cogliere opportunità diverse.

È stato quindi necessario bloccare i nuovi ingressi in Residenza Protetta ed è stato attivato ogni percorso possibile per risolvere l’emergenza con contatti costanti con il Comune, la Cooperativa, l’Asur, ATS e altre Fondazioni per riuscire a ripristinare il personale infermieristico quanto prima. Grazie anche alla disponibilità dimostrata dell’infermiere Responsabile di Struttura, la quale ha si è adoperata per entrare in turno, si è riusciti a tamponare parte della criticità.

Grazie alla continua sinergia con le diverse Istituzioni coinvolte, allo stato attuale sono state avviate delle collaborazioni con altre Fondazioni ed Asur che permetteranno alla Residenza Protetta di garantire i minutaggi di assistenza previsti per legge fino alla risoluzione della criticità e all’individuazione di nuovi infermieri da assumere in pianta stabile.

Questo comunicato si è quindi reso necessario anche per smentire voci ed illazioni infondate che hanno creato allarme fra i parenti degli ospiti e gli operatori stessi. La Fondazione ha sempre lavorato per evitare soluzione drastica (ossia il trasferimento degli ospiti presso altre strutture, paventato da alcune istituzioni) ed ha sempre informato i familiari della situazione e dei possibili sviluppi.

Il 15 aprile scorso, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione S. Maria Goretti – Servizi alla Persona ha dato avvio alla fase di progettazione preliminare incaricando un team di tecnici e professionisti per redigere un progetto di recupero edilizio ed architettonico che riguarderà non solo la Villa e i suoi annessi, ma anche il suo prezioso parco.
L’obiettivo che ci si è prefissati è quello di ricavare all’interno del complesso gli spazi necessari alla realizzazione della nuova Casa Protetta per disabili gravi, già esistente a Corinaldo, e di un nuovo centro semiresidenziale per persone anziane affette da Alzheimer.
La Villa, con la sua architettura e la natura che la circonda, potrà svolgere un ruolo attivo nella cura delle persone che vi risiederanno contribuendo a dare ai suoi ospiti spazi non solo funzionali alle rispettive esigenze ma accoglienti e confortevoli, un’architettura “terapeutica” quindi, capace di migliorare il benessere psicofisico di chi la vive.
La destinazione, individuata attraverso una serie di approfondimenti portati avanti nel tempo con il Comune di Corinaldo e il prezioso coinvolgimento dell’Ambito Territoriale Sociale di Senigallia e l’ASUR, avrà lo scopo di organizzare il territorio per fornire una risposta adeguata al crescente bisogno di servizi tra la popolazione ed a quelli emergenti, tenuto conto dell’andamento demografico dell’entroterra senigalliese.
Comunicato stampa congiunto tra:
Fondazione Santa Maria Goretti – Servizi alla Persona
Comune di Corinaldo

Si comunica che, con Delibera n. 5 del Consiglio di Amministrazione del 18 febbraio 2021, è stato istituito l’albo aperto degli operatori economici per l’affidamento di lavori, servizi e forniture ed incarichi professionali sottosoglia mediante affidamento diretto o procedura negoziata ai sensi dell’art. 31 comma 8;  art. 36, comma 2, lettere a,b,c;  art. 63; art. 157, comma 2 e per le  procedure relative ad  interventi di urgenza o somma urgenza di cui all’art. 163 del D.Lgs 50/2016.

Di seguito l’Allegato A alla Del. n. 5/2021: Avviso per formazione elenco operatori economici

 

Su Amministrazione Trasparente si pubblicano la Del. n. 5/2021, i relativi allegati ed i moduli di iscrizione (sezione: Bandi di gara e contratti – Atti delle amministrazioni aggiudicatrici, link: https://www.patrasparente.it/amministrazione_trasparente.php?ID_sezione=11&ID_sottosezione=57&pa=77)

A tre settimane di distanza dalla prima somministrazione, oggi pomeriggio gli anziani e gli operatori della Residenza “S. Maria Goretti” hanno ricevuto la seconda dose del vaccino anti Covid-19. La Struttura è stata, quindi, immunizzata.

Entrambe le somministrazioni si sono svolte con successo e con grande professionalità da parte di tutti. Nelle prossime ore gli anziani verranno sorvegliati in maniera speciale per monitorare la comparsa delle eventuali reazioni che la seconda dose del vaccino può scatenare, quali ad esempio febbre, stanchezza, dolori articolari e muscolari.

La macchina organizzativa ed operativa ha dimostrato davvero efficienza, competenza ed elevata capacità di interazione tra Fondazione ed ASUR.

Per questo motivo è doveroso ribadire le attestazioni di stima già espresse al Coordinatore di Struttura, Dott.ssa Virna Valori, alla Responsabile dei Servizi, Dott.ssa Nicoletta Catani, ed a tutto il personale che ha dato dimostrazione di estrema serietà, professionalità e collaborazione.

Un grazie sincero al Direttore del Distretto di Senigallia Dott. Marini, al Coordinatore dell’ATS n. 8 Dott. Mandolini, al Dirigente del Centro Disturbi Cognitivi e Demenze di Senigallia Dott. Izzicupo ed a tutta l’equipe medica e sanitaria per aver fatto dono alla nostra Struttura delle loro competenze e capacità in questa fase singolare delle nostre esistenza.

Si è svolta, nel pomeriggio di mercoledì 20 gennaio, la somministrazione della prima dose del vaccino anti Covid-19 della Pfifzer a tutti gli anziani ed a tutto il personale della Residenza per Anziani S. Maria Goretti.

La distribuzione è avvenuta con il prezioso supporto dei medici e degli infermieri dell’ASUR, sotto l’accurata supervisione del Direttore Dott. Alessandro Marini; a coadiuvare i sanitari vi era il personale interno della Struttura.

L’evento ha richiesto un’attenta e dettagliata organizzazione, tanto che i Responsabili della Struttura hanno partecipato anche a specifici momenti di formazione. La scrupolosa preparazione, attenta in ogni particolare e impeccabile nell’approntamento delle necessarie pratiche burocratiche, ha fatto si che la giornata si svolgesse senza intoppi ed in perfetta armonia tra le varie figure professionali che sono intervenute nella vaccinazione. In tutto sono state somministrate 125 dosi; tra tre settimane avverrà il richiamo.

La distribuzione del vaccino, quindi, è avvenuta con profondo impegno, zelo e estrema professionalità da parte di tutti.

Con grande piacere, inoltre, siamo venuti a conoscenza che la nostra Residenza è stata la prima del territorio a ricevere le dosi di vaccino.

Un grazie all’ASUR per il lavoro svolto, l’efficienza nella somministrazione delle dosi ed il supporto.

Un riconoscimento sentito va riservato al Coordinatore di Struttura, dott.ssa Virna Valori, per aver organizzato e condotto con estrema diligenza e competenza questo momento storico, che ricorderemo per molti anni. Un ringraziamento va, inoltre, rivolto al Responsabile del personale, dott.ssa Nicoletta Catani, ed agli operatori che si sono resi disponibili a collaborare per distribuire con efficienza il vaccino.

Un grazie particolare, ancora, va a tutto il personale per aver aderito alla vaccinazione, nessuno si è tirato indietro.

Per celebrare l’occasione si è voluto lasciare un segno: nel giardino è stata creata un’aiuola a forma di primula per richiamare il logo ministeriale della campagna vaccinale; l’ornamento è composto da tante primule quante sono state le dosi di vaccino somministrate nella Residenza; un fiore dedicato ad ogni anziano e ad ogni operatore!